Mike e la sua chitarra: musica, passione, sperimentazione.

Tutto parte da Django Reinhardt…

Intervisto con estremo piacere il giovane musicista che verrà ad allietare la nostra festa contadino resistente presso l’agriturismo Vallescura, “tempio” del nostro egregio presidente, domenica 28 luglio.

Mike Frigoli, età 26 anni, una laurea “ormai datata” in Scienze politiche per “far piacere ai miei” ammette ma poi aggiunge “anche a me…tutto sommato!”; anni e anni di preparazione in campo musicale e tanto studio che tuttora lo fa esercitare 8 ore al giorno con la chitarra.

Mike ha una voce limpida, una freschezza di immagini, una naturale allegrezza che trasmette energia. Parlare con lui è molto gradevole. Su mia richiesta, gentilmente, mi racconta la sua storia.

Pionere nel suonare la chitarra, come lui stesso dice, nella sua famiglia è l’unico che, sin dall’età di 10 anni si innamora così tanto della musica che nel corso degli anni sceglie la professione di chitarrista.

Amante dei Beatles, mi parla dei suoi maestri che lo hanno illuminato. Forse primo fra tutti Jacopo Delfini, classe 1980 chitarrista cremonese di pregio. Anche lui comincia a suonare la chitarra e il pianoforte all’età di dieci anni. Appassionato sperimentatore di molteplici stili musicali, Jacopo fa innamorare Mike del genere gipsy jazz, detto anche jazz manouche. Un genere accattivante, trascinante che viene da lontano, dalle terre della libertà, dai ritmi dei gitani.

Ecco torniamo al punto di partenza: Django Reinhardt, il padre del jazz manouche!

E’ lui che, mi spiega paziente Mike, pochi conoscono (tanto meno io, penso e mi vergogno un po’) che con i suoi virtuosismi innovativi e forse anche la sua personale ed incredibile storia incanta il chitarrista e, devo dire, affascina subito anche me.

Django, di etnia rom nato nel 1910 in Belgio, in seguito all’incendio della sua roulotte a soli 18 anni perde l’uso di una mano e così anche la sua carriera di banjoista deve arrestarsi.

La forza di volontà e forse il suo forte spirito libero, non lo piegano e così con le tre sole dita rimastogli nella mano sinistra, inventa un nuovo stile rendendo possibile l’unione tra l’antica tradizione musicale zingara ed il jazz americano.

Django” prosegue Mike, “reinventa il modo di suonare la chitarra, è con lui che nasce un modo orizzontale di suonare la chitarra. Molti chitarristi magari non lo conoscono ma ne sono stati di certo influenzati.  Io stesso nasco come chitarrista swing jazz ma poi, dovendo un po’ per necessità suonare vari generi, mi spingo a mescolare generi diversi fino a lavorare per un progetto che unisce swing jazz e sonorità differenti come lo stile rock’n roll dei primi anni di Elvis Presley”.

Questo progetto che lo intriga molto lo porta a registare il suo nuovo disco che uscirà a breve e di cui sono già curiosa: 10 pezzi inediti più 4 cover .

Il suo nucleo fisso è composto prevalentemente dal quartetto: batteria,contrabbasso, chitarra e solista (per lo più tromba, sassofono o clarinetto)

Chiedo a Mike qual è stata la sua prima performance da professionista.

Il primo debutto importante all’età di 17 anni su Radio popolare a Milano. In seguito sarà  l’incontro con un altro importante chitarrista, Carmelo Tartamella, a dargli nuova linfa vitale e dal quale sarà coinvolto nel progetto “Djangos Clan”.

Da tre anni Mike Frigoli, fra l’altro, partecipa al “Piacenza jazz fest”, che come sappiamo, è un interessantissimo palcoscenico d’eccelenza per il circuito jazz italiano.

Ed ora, il 28 luglio i Contadini Resistenti avranno il piacere di ospitare Mike and the Swingabillies  alla loro festa annuale presso la Vallescura: sarà un incontro scoppiettante!

VI ASPETTIAMO NUMEROSI SOTTO LE STELLE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...